Ansia e pensieri negativi nell’impotenza sessuale

La disfunzione erettile, nota anche come disturbo erettile ma più comunemente come impotenza, colpisce in Italia circa 3 milioni di uomini. Questo problema sessuale consiste nell’incapacità di raggiungere o mantenere l’erezione per un periodo di almeno 6 mesi, pur in presenza di appetito sessuale, e non deve dipendere nè da un altro disturbo mentale di tipo non sessuale nè da effetti collaterali di un farmaco o di un’altra condizione medica.

Per un’accurata diagnosi, è sempre necessario effettuare degli esami preliminari di tipo medico da un endocrinologo o da un andrologo per vedere se l’impotenza sia dovuta ad un problema organico. Una volta verificato che non ci sia un problema organico, è necessario contattare uno psicoterapeuta per comprendere ed affrontare i fattori psicologici alla base dell’impotenza.

I fattori psicologici e relazionali dell’impotenza sono diversi. Tra questi, troviamo la paura dell’insuccesso poiché, quando viene ingigantito e drammatizzato il fatto che qualche volta si sia persa l’erezione, l’uomo sperimenta un aumento dell’ansia da prestazione. A ciò, si aggiungono il timore di essere abbandonato e di non essere amato, la difficoltà di abbandonarsi alle proprie sensazioni corporee, lo scarso di coinvolgimento che abbassa la voglia di fare sesso o, contrariamente, l’eccessivo coinvolgimento il quale aumenta l’ansia da prestazione e, infine, situazioni stressanti di vario tipo come problematiche economiche o l’eccessivo carico di lavoro. L’ansia da prestazione è dovuta ad un’eccessiva preoccupazione per la performance sessuale. Infatti, un primo o alcuni fallimenti, innescano nella mente del soggetto un circolo di pensieri fissati unicamente sulla prestazione che non fanno altro che aumentare l’ansia, rendendo più probabile il fallimento. In questi casi infatti, a causa delle precedenti esperienze negative, l’uomo concentra l’attenzione unicamente sulle conseguenze della performance fallimentare poiché teme eventualmente di essere criticato, deriso e abbandonato. Inoltre, ad influire negativamente sul quadro, si aggiungono anche altri pensieri disfunzionali e convinzioni sbagliate socialmente diffuse in cui il fallimento sessuale dell’uomo viene generalmente visto come inaccettabile in quanto viene messa in discussione la sua virilità.

Numerosi studi scientifici hanno dimostrato che la Psicoterapia Cognitivo Comportamentale è un metodo molto valido per il trattamento dell’impotenza. Infatti, il soggetto impara a riconoscere i pensieri disfunzionali e il continuo rimurginio sulla performance sessuale, a gestire l’ansia da prestazione e si possono risolvere eventuali dinamiche dannose presenti all’interno della coppia che contribuiscono a mantenere il problema presentato.

Dr. Alessandro Di Domenico – Team Mind Lab

BIBLIOGRAFIA

  • American Psychiatric Association, “Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali – 5° Edizione” (2013)
  • Althof S. E., “Sex therapy and combined (sex and medical) therapy (2010)
  • Althof S. E., “Erectile dysfunction. Psychoterapy wuth men and couple (2011)
  • Beck A. T. et al., “Shock threat and sexual arousal: the role of selective attention, thought content and affective states” (1987)
  • Déttore D., “Trattato di psicologia e psicopatologia del comportamento sessuale” (2018)
  • Fabbri A., Caprio M., Aversa A., “Pathology of erection” (2003)
  • Fenelli A., Lorenzini R., “Clinica delle disfunzioni sessuali” (2012)
  • Giuri S. et al., “Cognitive attentional syndrome and metacognitive beliefs in male sexual disfunction: an exploratory study” (2016)
  • Hatzimouraditis K. et al., “Guidelines on male sexual dysfunction: erectile dysfunction and premature ejaculation” (2010)
  • Jannini E. A. et al. “Health related charachteristics ad unmet needs of men with erectile dysfunction: a survey in five European country” (2014)
  • Jannini E. A., Lenzi A., Maggi M., “Sessuologia medica. Trattato di psicosessuologia e medicina della sessualità” (2007)
  • Kaplan H. S., “Nuove terapie sessuali” (1974)
  • Li H., Gao T., Wamg R.,“The role of sexual partner in managing sexual dysfunction” (2016)
  • Lo Piccolo J., “Post modern sex-therapy for erective failure” (1992)
  • Maiorino M. I., Bellastella G., Esposito K., “Lifestyle modification and erectile dysfunction: what can be expected?” (2015)
  • Masters W. H. e Johnson V. E., “Human sexual inadequacy” (1970)
  • McCarthy B. W. e Fucito L. M., “Integrating medication, realistic expectation and therapeutic intervention in the treatment of male sexual dysfunction” (2005)
  • Metz M. e McCarthy B. W., “Coping with premature ejaculation” (2004)
  • Perazzini F. et al. “Frequency and determinants of erectile dysfunction in Italy” (2000)
  • Petruccelli F., “Le disfunzioni erettili: aspetti psicologici (1996)
  • Wells A., “Terapia metacognitiva dei disturbi d’ansia e della depressione” (2004)

Mind Lab
San Bendetto del Tronto

declino responsabilità | privacy e cookies | codice deontologico

P.I. 02050570684

 

AVVISO: Le informazioni contenute in questo sito non vanno utilizzate come strumento di autodiagnosi o di automedicazione. I consigli forniti via web o email vanno intesi come meri suggerimenti di comportamento. La visita psicologica tradizionale rappresenta il solo strumento diagnostico per un efficace trattamento terapeutico.

©2017 Tutti i testi presenti su questo sito sono di proprietà della Mind Lab
© 2017. «powered by Psicologi Italia». E' severamente vietata la riproduzione, anche parziale, delle pagine e dei contenuti di questo sito.
www.psicologi-italia.it