Come riconoscere un adolescente depresso?

In adolescenza si verificano con estrema intensità cambiamenti di tipo fisico, psicologico, emotivo e sociale che influenzano la crescita del giovane e il suo carattere. Tuttavia, non è raro che un genitore contatti un professionista della salute mentale poiché è angosciato dalle reazioni del figlio. Ad esempio è assai comune che i genitori lamentino molte difficoltà nel dialogo con i loro figli che presentano talvolta malumori, alzano il tono della voce rispondendo male, hanno un rendimento scolastico che oscilla tra alti e bassi, si immergono nei social network e la tecnologia piuttosto che scegliere le attività sociali, qualche volta non rispettano gli orari facendo più tardi del previsto e bevono alcool o consumano cannabis occasionalmente a scopo ricreativo. Questo modelli di comportamento sono tipici della fascia adolescenziale e, pur diventando spesso causa di conflitti, non sono considerati psicopatologici fino a quando non interferiscono con la qualità della vita del giovane.

La depressione in adolescenza invece è una condizione caratterizzata da stanchezza e mancanza di energia croniche in assenza di sconvolgimenti ambientali stressanti, veloci oscillazioni di peso e di appetito, un’attività motoria rallentata, difficoltà a dormire adeguatamente, frequenti e forti mal di testa, di stomaco e dolori alle giunture articolari. Alla precedente sintomatologia fisica si aggiungono anche altri sintomi di natura cognitiva tra i quali frequenti sentimenti di vergogna e senso di colpa in reazione a situazioni negative e scarsa autostima poiché il giovane è convinto di non poter arrivare a ciò che si prefissato vista la poca fiducia nelle proprie capacità. Inoltre, nei casi più gravi, sono presenti idee comportamenti che inducono al suicidio. La tendenza al suicidio è tanto più probabile quanto sono presenti frequenti pensieri riguardanti la morte e il togliersi la vita, una forte disperazione giustificata dalla visione di un futuro immaginato come negativo e privo di speranze e una dettagliata programmazione di come farla finita.

La depressione adolescenziale si manifesta in modo diverso nei maschi e nelle femmine. Quest’ultime infatti presentano una forte ansia, disturbi del sonno e dell’appetito, non sono soddisfatte del loro aspetto fisico e sono in balia di sentimenti di fallimento uniti a frequenti idee suicidari. I maschi invece hanno repentini e continui sbalzi d’umore, manifestano una diminuzione nel coinvolgimento in quegli interessi e in quelle attività che amavano fare in passato, hanno scarsi risultati scolastici che non riescono a recuperare e maggiori idee suicidarie unite ad una maggior frequenza nei tentavi di togliersi la vita. Entrambi i sessi invece presentano degli aspetti comuni tra i quali comportamenti che violano le norme sociali, impulsivitàabuso di sostanze stupefacenti come droga o alcool, problemi relazionali come isolarsi e abbandono graduale del gruppo dei pari e autolesionismo.

Secondo i più recenti studi scientifici, la depressione nell’infanzia e nell’adolescenza può essere trattata efficacemente attraverso un idoneo percorso di Psicoterapia Cognitivo Comportamentale che, oltre ad essere più risolutiva rispetto agli psicofarmaci nella prevenzione delle ricadute, aiuta il bambino e il giovane a recuperare la fiducia in sé, migliorando la propria qualità della vita. Tuttavia, nei casi più compromessi (es. elevato rischio suicidario), è bene integrare il percorso di Psicoterapia Cognitivo Comportamentale con un adeguato trattamento farmacologico prescritto da un medico psichiatra.

Dr. Alessandro Di Domenico – Team Mind Lab

BIBLIOGRAFIA

  • American Psychiatric Association, “Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali – 5° Edizione” (2013)
  • Dacomo M. e Pizzo S., “La depressione infantile: Terapia cognitivo comportamentale con bambini e adolescenti” (2012)
  • J Am Acad Child Adolesc Psychiatry Treatment for Adolescents With Depression Study (TADS): rationale, design, and methods” (2003)
  • Lewandowski et al. “Evidence for the Management of Adolescent Depression” (2003)

SITOGRAFIA


Mind Lab
Martinsicuro (TE)
a 10Km da San Benedetto Del Tronto

declino responsabilità | privacy policy |cookies policy | codice deontologico

P.I. 02050570684

 

AVVISO: Le informazioni contenute in questo sito non vanno utilizzate come strumento di autodiagnosi o di automedicazione. I consigli forniti via web o email vanno intesi come meri suggerimenti di comportamento. La visita psicologica tradizionale rappresenta il solo strumento diagnostico per un efficace trattamento terapeutico.

©2017 Tutti i testi presenti su questo sito sono di proprietà della Mind Lab
© 2017. «powered by Psicologi Italia». E' severamente vietata la riproduzione, anche parziale, delle pagine e dei contenuti di questo sito.
www.psicologi-italia.it