Quanto è diffusa la depressione in italia?

La depressione è una condizione complessa che interferisce negativamente con il proprio modo di pensare ed agire, causando senso di tristezza, una perdita di interesse nelle attività che prima erano fonte di piacere, problemi emotivi e fisici e una diminuzione della nostra capacità di funzionare a lavoro e a casa.

I sintomi della depressione possono variare da una forma lieve a una grave: tra questi troviamo il sentirsi tristi o l’avere un umore depresso per la maggior parte del tempo, variazioni nell’appetito (perdita di peso o aumento), problemi della qualità del sonno (dormire troppo o troppo poco), una perdita di energia o aumento della fatica senza fare sforzi eccessivi, sentimenti di indegnità o colpevolezza, difficoltà nel pensare, concentrarsi o prendere decisioni e, nei casi più gravi, pensieri di morte o suicidio.

Negli anni Novanta l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) predisse che entro il 2020 la depressione sarebbe diventata la seconda causa di disabilità nel mondo. Ad oggi possiamo dire che questa previsione era sostanzialmente corretta. Infatti, circa 350 milioni di persone soffrono di un disturbo depressivo mentre una persona su 20 riporta di aver avuto almeno un episodio depressivo nella propria vita. Per quanto riguarda l’Italia, secondo l’Istat, sono 2,8 milioni (5,4% delle persone di 15 anni e più) coloro che ne hanno sofferto nel corso del 2015 e 1,3 milioni (2,5%) hanno presentato i sintomi della depressione maggiore nelle due settimane precedenti l’intervista. Rispetto alla media dei paesi europei, in Italia la depressione è meno diffusa tra gli adulti e tra gli individui con età compresa tra i 15 e i 44 anni mentre per gli anziani i tassi sono più elevati.
Si tratta di un dato fondamentale in quanto questo i disturbi dell’umore sono associati ad un incremento del tasso di mortalità e rappresentano un fattore di rischio per lo sviluppo di ulteriori patologie psichiatriche. Inoltre, dal punto di vista economico i disturbi dell’umore sono diventati un “fardello” per la società non solo per le spese a carico della sanità pubblica ma anche perché generano perdita di produttività lavorativa e alti tassi di mortalità.

Tuttavia, la depressione è una condizione trattabile grazie all’efficacia della Psicoterapia Cognitivo Comportamentale che aiuta il paziente a riconoscere il proprio modo di pensare distorto con l’obiettivo di modificarlo con pensieri più adattivi che miglioreranno la qualità della vita.


BIBLIOGRAFIA

American Psychiatric Association (2013). Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali – 5° Edizione. Milano: Raffaello Cortina.

Rossi Monti M. (2016). Manuale di psichiatria per psicologi. Roma: Carocci.


Mind Lab Staff

Mind Lab
Martinsicuro (TE)
a 10Km da San Benedetto Del Tronto

declino responsabilità | privacy policy |cookies policy | codice deontologico | Contratto di contitolarità

P.I. 02050570684

 

AVVISO: Le informazioni contenute in questo sito non vanno utilizzate come strumento di autodiagnosi o di automedicazione. I consigli forniti via web o email vanno intesi come meri suggerimenti di comportamento. La visita psicologica tradizionale rappresenta il solo strumento diagnostico per un efficace trattamento terapeutico.

©2017 Tutti i testi presenti su questo sito sono di proprietà della Mind Lab
© 2017. «powered by Psicologi Italia». E' severamente vietata la riproduzione, anche parziale, delle pagine e dei contenuti di questo sito.
www.psicologi-italia.it