6 modi per evitare una discussione futile

6 modi per evitare una discussione futile

A chi non è mai successo che una conversazione diventi una discussione che sembra sfuggirci di mano? Infatti, le emozioni aumentano di intensità, si tende ad utilizzare parole offensive o vengono rimembrati fatti sul passato che sembravano oramai sopiti. Quindi, ci vuole un attimo per passare da una conversazione con le migliori intenzioni dal trovarti in un conflitto distruttivo.
Tuttavia, non è mai troppo tardi per ribaltare una discussione poiché è sufficiente considerare che conflitto è un aspetto di ogni relazione, è inevitabile e, se fatto bene e con uno scopo ben preciso, può portare alla crescita e al cambiamento.

Dunque, se ti trovi in ​​una discussione accesa, tieni a mente queste 6 idee che ti aiuteranno aiutarti a gestire meglio la situazione:

  • Regola le tue emozioni.
    Assicurati di avvicinarti all'altra persona in modo calmo, prenditi un momento per riprenderti, fai un respiro profondo e dì a te stesso che puoi farlo, quindi impegnati.
    Non farti prendere dall'escalation e non rispondere se troppo arrabbiato!
  • Riconosci le intenzioni e i sentimenti dell'altra persona.
    Non concentrarti sul fatto che l'altra persona abbia ragione o torto. Ascolta e riconosci i loro sentimenti e convalida ciò che stanno dicendo in modo che si sentano ascoltati e compresi.
  • Non cercare di risolvere la situazione o di risolvere i problemi.
    Quando le persone affrontano un'escalation non sono cognitivamente in grado di pensare in modo critico. Se passi invece alla modalità di risoluzione dei problemi, questa non sarà utile alla situazione e potrebbe esacerbare l'intensità della stessa
  • Rimani presente.
    Non allontanarti dalla situazione a meno che non sia necessario: farlo infatti potrebbe offendere l'altra persona e ciò potrebbe aumentare l'escalation. Allontanati solo se sei in pericolo fisico e hai una chiara strategia di uscita altrimenti sii presente, lascia che l'altra persona sappia che sei lì per lei, regola le tue emozioni e convalida i suoi sentimenti.
  • Modella una regolazione emotiva e un autocontrollo appropriati.
    Quando la persona che si è arrabbiata vede che ti comporti in modo calmo e compassionevole, ciò la influenza a fare lo stesso. Infatti, la persona sottoposta al conflitto seguirà il tuo esempio.
  • Una volta che la situazione è meno tesa, risolvi i problemi.
    La risoluzione dei problemi può comportare l'identificazione di ciò che ha portato fino al punto di escalation, chiarire problemi di comunicazione o intenzioni fraintese, soluzioni di brainstorming, soppesare i pro e i contro, creare un piano d'azione per correggere il problema e quindi agire.
    Idealmente, queste strategie non sarebbero necessarie perché tu e il tuo interlocutore comunichereste in un modo rispettoso che rimuove ogni possibilità di escalation ma spesso le persone sono disordinate e lo è ancora di più la comunicazione. Pertanto, è sempre una buona idea avere in mente idee per la riduzione dell'escalation.

BIBLIOGRAFIA

Anchisi R., Dessy M. G., “Manuale di assertività. Teoria e pratica delle abilità relazionali: alla scoperta di sè e degli altri” (2016)
Baggio F., “Assertività e training assertivo. Teoria e pratica per migliorare le capacità relazionali dei pazienti” (2016)


Mind Lab Staff

Mind Lab
Martinsicuro (TE)
a 10Km da San Benedetto Del Tronto

declino responsabilità | privacy policy |cookies policy | codice deontologico | Contratto di contitolarità

P.I. 02050570684

 

AVVISO: Le informazioni contenute in questo sito non vanno utilizzate come strumento di autodiagnosi o di automedicazione. I consigli forniti via web o email vanno intesi come meri suggerimenti di comportamento. La visita psicologica tradizionale rappresenta il solo strumento diagnostico per un efficace trattamento terapeutico.

©2017 Tutti i testi presenti su questo sito sono di proprietà della Mind Lab
© 2017. «powered by Psicologi Italia». E' severamente vietata la riproduzione, anche parziale, delle pagine e dei contenuti di questo sito.
www.psicologi-italia.it